Associazione Amici della Musica Vittorio Cocito
eng
itaeng
Menu




I Virtuosi Italiani
05 2020 21.00, Teatro Faraggiana

I VIRTUOSI ITALIANI

Stefano Rava, oboe solista
Luca Falasca, violino solista
Leonardo Sapere, violoncello concertante
Alberto Martini, Maestro di concerto al violino

ANTONIO VIVALDI
Concerto in re minore per due violini, violoncello e archi, n.11 da L’Estro armonico

TOMASO ALBINONI
Concerto a cinque per oboe, due violini, viola, violoncello e b.c. in re minore op. 9/2

FRANCESCO GEMINIANI
Concerto Grosso in re minore H143 “La Folia” (da Corelli)

JOHANN PACHELBEL
Canone in re maggiore

JOHANN SEBASTIAN BACH
Concerto in re minore per 2 violini, archi e b.c. BWV 1043

ALESSANDRO MARCELLO
Concerto in re minore per oboe e archi S.Z799

WOLFGANG AMADEUS MOZART
Sinfonia Salisburghese in re maggiore per archi K 136


Alberto Martini si è diplomato a pieni voti presso il Conservatorio F.E Dall’Abaco di Verona. Si è poi perfezionato con il Maestro Corrado Romano al Conservatorio di Ginevra.
Ha collaborato stabilmente come Primo Violino di Spalla con molte ed importanti orchestre tra cui quella del Teatro alla Scala di Milano, dei Pomeriggi Musicali di Milano, del Teatro Comunale di Bologna, del Teatro Lirico di Cagliari, collaborando con i più grandi Direttori d’orchestra quali: Riccardo Muti, Riccardo Chailly, Valery Gergiev, Dmitri Yurovsky, Myun Whun Chung, Giuseppe Sinopoli, Yuri Temirkanov ecc.
Con I VIRTUOSI ITALIANI, di cui è il direttore artistico e il primo violino dal 2006, ha suonato in tutto il mondo nelle più prestigiose sale e nei più importanti Festival, collaborando con solisti di fama internazionale tra i quali: Mariella Devia, Barbara Hendricks, Giuliano Carmignola, Fabio Biondi, Vadim Repin, Maxence Larrieu, Enzo Dara, Claudio Desderi, Katia Ricciarelli, Vincenzo La Scola, Misha Maisky, Andres Mustonen, Ilya Grubert, Lazar Berman, Pavel Vernikov, Bruno Giuranna, Lev Markiz, Patrick Gallois, Natalia Gutman e Julian Rachlin. Ilya Gringolts, Dmitry Sitkovetsky e molti altri.
L’attività discografica, che lo vede protagonista come direttore e concertatore è ricchissima con più di 50 CD registrati per le case discografiche più importanti del mercato come Chandos, Emi, Naxos, Dynamic, Verany e Tactus ed oltre 400 mila dischi venduti in tutto il mondo.
Ha ricevuto vari premi discografici, tra i quali: “Cinque Stelle” premio Goldberg della omonima rivista tedesca, il “Diapason d’Oro” della rivista francese Diapason, Choc de la Musique della rivista francese Le Monde de la Musique, oltre a varie 5 stelle della rivista italiana MUSICA.
Dopo essere stato titolare della cattedra di Violino nei Conservatori di Bolzano, Trento e Verona, attualmente ricopre questo ruolo presso il Conservatorio Statale di Musica “L. Marenzio” di Brescia.
Regolarmente è invitato a tenere Masterclass in varie Istituzioni Italiane e estere, e da qualche anno ha avviato una importante collaborazione con l’università TCU di Fort Worth in Texas (USA), sede della prestigiosa competizione musicale Van Cliburn.
Suona su un prezioso strumento costruito da Enrico Ceruti a Cremona nel 1840, perfettamente conservato e originale in tutte le sue parti, come quando uscì dal laboratorio e un arco Jean Adam detto “GRAND ADAM” del 1850 appartenuto al grande violinista Philippe Hirshhorn, oltre che su un magnifico violino costruito da Ferdinando Gagliano a Napoli nel 1765.

 

Il complesso de I Virtuosi Italiani, nato del 1989, compie 30 anni di attività.
E’ una delle formazioni più attive e qualificate nel panorama musicale internazionale, regolarmente invitata nei più importanti teatri, festival e stagioni in tutto il mondo. Viene loro riconosciuta una particolare attitudine nel creare progetti sempre innovativi, una costante ricerca nei vari linguaggi, oltre all’eccellente qualità artistica dimostrata in anni di attività.
Numerose sono le collaborazioni con solisti e direttori di rilevanza internazionale.
Hanno collaborato all’allestimento dell’Apollon Musagete di Stravinsky con il New York City Ballet; nel 2001 hanno eseguito tutte le opere in un atto di Rossini per l’Opera Comique di Parigi e hanno tenuto due concerti al Konzerthaus di Vienna.
I Virtuosi Italiani si sono esibiti per i più importanti teatri e per i principali enti musicali italiani quali il Teatro alla Scala, il Teatro La Fenice, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, la GOG di Genova, l’Unione Musicale di Torino, l’Istituzione Universitaria dei Concerti di Roma, il Teatro alla Pergola di Firenze, la Società Filarmonica di Roma, il Teatro Rossini di Pesaro, la Società del Quartetto di Milano e molti altri.
Tra gli impegni più rilevanti ricordiamo il Concerto per il Senato della Repubblica Italiana e teletrasmesso in diretta da RAI 1, il “Concerto per la Vita e per la Pace” eseguito a Roma, Betlemme e Gerusalemme e trasmesso dalla RAI in Mondovisione, il Concerto presso la Sala Nervi in Vaticano alla presenza del Papa.
Numerose sono poi le tournée all’estero, con concerti nelle più importanti sale del mondo: Francia (Festival Pablo Casals di Prades, Festival Berlioz, Aix-en-Provence, Bordeaux), Germania, Svizzera, Spagna, Portogallo, Inghilterra (Londra Royal Albert Hall), Polonia, Lituania, Lettonia, Finlandia, Slovenia (Festival Internazionale di Lubiana), Russia (San Pietroburgo Sala Filarmonica, Mosca Sala Grande del Conservatorio Tchaikovsky, Sala Tchaikovsky della Filarmonica), Turchia, Iran, Corea, Stati Uniti d’America (New York, Los Angeles, Philadelphia), Paesi Baltici.
L’attività discografica è ricchissima, con più di 100 cd registrati per le maggiori case discografiche mondiali ed oltre 500.000 dischi venduti in tutto il mondo.
Una delle ultime registrazioni, per la prestigiosa casa discografica Deutsche Grammophon, dedicata a una monografia di Morten Lauridsen, nel giugno del 2019 ha ricevuto la nomination degli Opus Classic Awards 2019, il più importante premio per la musica classica in Germania.
Nell’autunno 2020, usciranno due CD, per altrettante major, entrambi dedicati a Gioachino Rossini: il primo per Warner Classics – Erato diretto da Corrado Rovaris con il tenore Lawrence Brownlee e il baritenore Miachael Spyres, il secondo per CPO con le più famose Overture d’opera dirette da Marc Andreae.
L’attenzione dei Virtuosi alla ricerca filologica li ha condotti a esibirsi nel repertorio barocco e classico anche su strumenti originali.
Proprio in quest’ambito sono usciti i DVD per UNITEL CLASSICA delle opere di G.B.Pergolesi “Il Prigionier Superbo”, “La Serva Padrona” e “La Salustia”, dirette da Corrado Rovaris e di G. B. Spontini “La Fuga in Maschera” sempre diretta da Corrado Rovaris.
Nel segno della versatilità e dell’attenzione riservata ad una scelta di repertorio mirato al coinvolgimento di un pubblico sempre più vasto con una particolare attenzione ai giovani, significativo è, inoltre, l’interesse da sempre dimostrato dal gruppo per il repertorio di confine. Da qui la nascita di collaborazioni e progetti con artisti come Franco Battiato, Goran Bregovic, Uri Caine, Chick Corea, Paolo Fresu, Ludovico Einaudi, Michael Nyman, Cesare Picco, Enrico Rava, Gianluigi Trovesi, Richard Galliano e molti altri.