Associazione Amici della Musica Vittorio Cocito
Menu
Omaggio per archivio Centro Studi Martucciani
19 Dicembre 2013, Auditorium "F.lli Olivieri"

Gaetano Nasillo, violoncello

Ettore Borri, pianoforte

Romanza n°1 per violoncello e pianoforte: Andantino con moto

Quattro trascrizioni per violoncello e pianoforte:

1) Balletto di G.B.Martini

2) Adagio di M.Clementi

3) Gavotta di D. Scarlatti

4) Allegro di F.Mendelsshon

da Tre Pezzi per violoncello e pianoforte op.69: n°1 Moderato


in omaggio al progetto Archivio Centro Studi Martucciani onlus di Novara: patrimonio italiano da conoscere e diffondere, promosso dal Centro Studi Martucciani onlus in collaborazione con la Fondazione per la comunità del Novarese onlus e con l'ISSM "Conservatorio Guido Cantelli" di Novara

Gaetano Nasillo è uno tra i più acclamati violoncellisti che si occupano di esecuzione su strumenti originali. Si è diplomato in violoncello al Conservatorio G. Verdi di Milano sotto la guida di Rocco Filippini, del quale ha successivamente seguito i corsi presso l’Accademia W. Stauffer di Cremona.

Dopo aver svolto attività concertistica nei più qualificati gruppi di musica contemporanea e nelle principali orchestre milanesi, si è dedicato allo studio della prassi esecutiva su strumenti originali affiancando al violoncello lo studio della viola da gamba, e perfezionandosi alla “Schola Cantorum Basiliensis” sotto la guida di Paolo Pandolfo.

Ha collaborato e collabora, spesso in veste solistica, con alcuni tra i più prestigiosi complessi  barocchi europei, tra cui l’Ensemble 415, Concerto Vocale, Zefiro, Le Concert des Nations , Ensemble Aurora, Gli Angeli ed altri, gruppi con i quali effettua regolarmente concerti in Europa, Stati Uniti, Sud America, Australia, Giappone.

La sua produzione discografica comprende al momento oltre 90 titoli, molti dei quali premiati con i più importanti riconoscimenti discografici, segnatamente il Diapason d’Or (A. Corelli, Concerti grossi op. VI, Ensemble 415; Muffat, l’Armonico Tributo, Ensemble 415; Monteverdi L’Orfeo, Ensemble Elyma; Conti, Cantate, Ars Antiqua Austria; A. Corelli, Sonate per violino e basso continuo op. V, Enrico Gatti; Albinoni, Sinfonie a 5 op.2, Ensemble 415; Haendel Fireworks, Zefiro); 10 di Repertoire e Premio Vivaldi (A. Corelli op. V, trascrizione per viola da gamba, G.Balestracci; A. Corelli, Sonate op. V per violino e basso continuo, E. Gatti); Choc de la Musique (A. Corelli, Sonate op. V); Preis der DeutscheSchallplattenkritik (Bonporti, Invenzioni op. X, C. Banchini); A di Amadeus (Boccherini, Sonate per violoncello; Schuster, Quartetti padovani, Quartetto Joachim; J.S. Bach, Offerta Musicale; Bonporti, Invenzioni op. X), Amadeus cd dell’Anno (Sonate per violoncello e b.c. op.1 di S. Lanzetti), Muse d’Or (Sonate per violoncello e b.c. di Caldara).

Le realizzazioni discografiche solistiche comprendono due volumi di sonate di Luigi Boccherini, l’op. V di Francesco Saverio Geminiani (cd inserito dalla rivista francese Diapason nei “30 dischi indispensabili per conoscere il violoncello”), ambedue recentemente ripubblicati da Pan Classics; le Sonate op.1 per violoncello e b.c. di Salvatore Lanzetti registrate per Zig Zag Territoires; i Concerti Napoletani (Porpora, Fiorenza , Leo e Sabatino) con l’Ensemble 415 sempre per Zig Zag Territoires; le Sonate di Antonio Caldara e le Sonate di Carlo Graziani (In viaggio verso Breslavia) per Arcana.

 Nel 2011 ha ricevuto la menzione “Musician of the Year” di Prelude Klassieke Muziek.

Gaetano Nasillo ha registrato per Harmonia Mundi France, Symphonia, Teldec, Arcana, Glossa, Ricordi, K617, Ambroisie, Zig-Zag Territoires, Alpha, Christophorus, Nuova Era, Bongiovanni, Stradivarius, Tactus, e per le principali emittenti radiofoniche e televisive in Europa e Stati Uniti. Nel 2008 Sky Classica gli ha dedicato una puntata della serie “I Notevoli”.

E’ docente di violoncello barocco presso il Conservatorio G. Cantelli di Novara e all’Accademia Internazionale della Musica di Milano. E' stato titolare del Master di Musica Barocca, unico in Italia, presso l'Università della Basilicata. Oltre ad avere insegnato presso prestigiose istituzioni quali la Fondazione Cini di Venezia e la Scuola di Musica di Fiesole, tiene corsi e masterclass in Italia (Urbino), Spagna (Daroca), Brasile e Giappone.

 

Suona un violoncello Giuseppe Ungarini del 1750.

 

 

ETTORE BORRI. Diplomato in pianoforte con Alberto Mozzati e laureato in Lettere all’Università Cattolica di Milano, dal 1979, per vent'anni, collabora con Giampiero Tintori al Museo Teatrale alla Scala, realizzando storiche manifestazioni nel Ridotto dei Palchi del Teatro alla Scala sia come concertista e conferenziere, sia in ambito di progettazione artistica.

            Svolge attività concertistica in campo nazionale e internazionale: Sala Nervi in Vaticano alla presenza di papa Giovanni Paolo II (2000), Festival des Nations Européennes di Munster (1991), Museo Liszt e Accademia Liszt di Budapest (1996 e 2000), dove è stato altresì docente ospite. Ha partecipato alle settimane di cultura dedicate all’Italia sotto l’egida delle ambasciate italiane a Colonia (1985), a Budapest (1996) e a Stoccolma (2003). Tiene master-class di pianoforte in Italia e all’estero (Università di Seul, Osaka e Poznan). Ha partecipato a spettacoli che uniscono differenti espressioni artistiche, al fianco di Luciana Savignano, Franca Nuti, Alessandro Quasimodo e Mario Cei.

            Ha registrato, per la RAI e per la Duetto e la Naxos, opere pianistiche di Donizetti, Field, Respighi e Sgambati. In prima italiana ha registrato brani pianistici di Wagner sul pianoforte Steinway (1883) appartenuto a Liszt, in occasione dell’inaugurazione della Associazione wagneriana italiana (Milano 1994). Nel 2011/2012 ha ideato e coordinato il progetto Europa e identità nazionali, realizzando la prima registrazione assoluta (edita da La Bottega Discantica) degli Studi per pianoforte di Francesco Sangalli e di Adolfo Fumagalli con la partecipazione di studenti dei conservatori di Aarhus (Danimarca), Bucarest (Romania), Feldkirch e Linz (Austria), Novara (Italia), Poznan (Polonia).

            Ha pubblicato scritti musicologici presso editori quali Mazzotta, Bompiani, Fabbri, Vita & Pensiero e LIM, dedicandosi in special modo allo studio della letteratura pianistica italiana tra Ottocento e Novecento. Ha redatto il testo didattico Musica Insieme (Ghisetti & Corvi). Nel 2005 è uscita a stampa la revisione critica del libretto e della partitura del melodramma di Giulio Cesare Sonzogno Il denaro del Signor Arne. Ha curato la revisione di pagine pianistiche di Liszt e di Debussy per Carisch.

            Dal 2011 è “Referente didattico per la Lombardia” del Sistema Italiano delle Orchestre e dei Cori Giovanili e Infantili; consulente tecnico, artistico e scientifico per gli eventi ufficiali di CremonaPianoforte e MondoMusica; Presidente dell’Associazione Amici della Musica “Vittorio Cocito” di Novara. Dal febbraio 2012 è rappresentante per la Cappella Musicale Pontificia “Sistina” presso l’AEC (Association Europeènne des Conservatoires). Dal 2013 è componente del Nucleo di Valutazione dell’ISSM “Gaetano Donizetti” di Bergamo. Dal 2013 è inserito nel “Peer-Reviewers Register” dell’AEC (http://www.aec-music.eu/userfiles/File/aec-peer-reviewers-register-april-2013(1).pdf) che comprende esperti atti alla valutazione dei conservatori europei.

            Dal 1978 è docente di pianoforte principale nei Conservatori italiani e attualmente insegna al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano; dal 1995 al 2001 è direttore didattico della Scuola Musicale di Milano; dal gennaio 2002 ad ottobre 2011 è direttore del Conservatorio “Guido Cantelli” di Novara; dall’aprile 2007 ad ottobre 2011 è componente del Consiglio Direttivo della Conferenza dei Direttori dei Conservatori italiani; nel 2009 è stato nominato dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca componente della Commissione per il riordino del Liceo Musicale in Italia; nel 2013 è nominato da ANVUR quale componente del Gruppo di Lavoro “criteri per i Nuclei di Valutazione”. Durante il periodo di direzione ha ottenuto per il Conservatorio di Novara, unico finora in Italia, un lusinghiero Report pubblicato sul sito dell’AEC a seguito della visita dei Polifonia Counsellors riguardante la Quality assurance e la riorganizzazione dei corsi superiori.

            Ha ricevuto il Premio “Umberto Barozzi” per la Cultura, Novara 2010.

            E’ stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere, Ordine al Merito della Repubblica Italiana, conferita dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il 27 dicembre 2011.